Migranti, Salvini replica a Fico sui porti chiusi: “Sua opinione, decidono i ministri”


Il tema dei migranti continua a essere in cima all’agenda politica italiana. E dopo le parole del presidente della Camera Roberto Fico, che in visita all’hotspot di Pozzallo ha detto che non chiuderebbe i porti, è arrivata la replica del ministro dell’Interno Matteo Salvini. “Dell’immigrazione si deve parlare con intelligenza e cuore”, aveva detto il presidente della Camera spiegando che quando si parla di Ong “bisogna capire cosa si vuole intendere” e dicendo che fanno “un lavoro straordinario”. Il commento di Salvini, che intanto continua ad attaccare le Ong, è arrivato a fine giornata: il leader della Lega ha chiarito che quello di Fico è “un suo punto di vista personale”. “Divergenze? Non siamo in una caserma, è giusto che ognuno esprima le proprie idee – ha detto Salvini visitando i militanti a Pontida alla vigilia del raduno del partito -. Poi i ministri fanno i ministri. E quindi le scelte sono quelle che gli italiani stanno toccando con mano da quasi un mese”. Anche il capo politico del Movimento 5 stelle Luigi Di Maio considererebbe quelle di Fico delle dichiarazioni a titolo personale. Di Maio era già intervenuto sul tema dei migranti e delle nuove politiche europee: “Se questi signori in Europa dopo aver firmato un documento, dopo qualche ora smentiscono quel documento, allora vuol dire che forse dobbiamo rivedere quei 20 miliardi all’anno che gli italiani versano all’Europa”, aveva detto.

Maurizio Martina: “Riaprire i porti” – Sul tema migranti è intervenuto, tra gli altri, anche il segretario reggente del Pd Maurizio Martina. “Riaprire i porti, lavorare con le Ong, battersi in Europa perché gli egoismi nazionali non vincano come ieri con la complicità del nostro governo. Per una vera politica europea per le migrazioni. Per restare umani e non scoprirsi sempre più indifferenti”, ha scritto in un tweet. “Ho apprezzato le parole del Presidente Fico. Sono parole giuste. Ora mi auguro che voglia muoversi sia verso la maggioranza di governo e nel suo movimento perché si rifletta con serietà sulla situazione e si fermino scelte sbagliate come quelle fatte sino a qui dall’esecutivo”, ha aggiunto Martina.