25 aprile 2018: corteo a Roma, fischi dei palestinesi contro Virginia Raggi


Applausi e fischi per il sindaco di Roma Virginia Raggi a Porta San Paolo oggi, durante la manifestazione dell’Anpi per il 25 aprile, festa di Liberazione. Quando poi la sindaca ha cominciato a parlare, in particolare dallo spezzone del corteo della Comunità palestinese, è stato gridato “Vattene”.

Il discorso si sposta poi sulla divisione che ha portato al doppio corteo, comunità ebraica da una parte e Anpi con palestinesi dall’altra. Il primo cittadino della Capitale non si scompone per i fischi: “Noi una riflessione dobbiamo farla – dichiara – abbiamo lavorato tanto per sfilare uniti, ma come comunità cittadina non siamo stati all’altezza dei nostri predecessori di 70 anni fa. I fischi non riscriveranno la storia e questo va detto”  “Abbiamo tutti perso un’occasione – ha concluso Virginia Raggi – Le porte del Campidoglio sono sempre aperte per chi vuole dialogare e noi continueremo a promuovere questo dialogo”. Mentre la sindaca parlava sventolavano diverse bandiere palestinesi e manifestanti della delegazione del partito comunista sono andati via.