A De Luca piacciono i giornalisti: ne ha nominati tre nelle società regionali


Ma chi ha detto che a Vincenzo De Luca non piacciono i giornalisti? L’ex sindaco di Salerno e attuale presidente della Regione Campania li ama così tanto da pescare nell’elenco professionale quando si tratta di fare nomine per gli enti gestiti da Palazzo Santa Lucia. Ultimo in ordine di tempo è Luigi Vicinanza, storico ex capo di Repubblica Napoli, attualmente direttore responsabile de ‘Il Tirreno’ a Livorno e per una fase direttore de L’Espresso. De Luca l’ha nominato Presidente del consiglio d’amministrazione della Fondazione Cives-Mav, il Museo Archeologico Virtuale di Ercolano.

Pochi giorni fa era toccato a Titta Fiore, già capo delle pagine culturali del quotidiano Il Mattino e oggi presidente della Fondazione Film Commission Campania. Qualche mese fa, a gennaio, la Regione Campania, rinnovando il cda della Fondazione Donnaregina per le Arti Contemporanee aveva nominato quale presidente è Laura Valente, musicologa e giornalista, firma del Corriere del Mezzogiorno. Tre nomine per non scontentare nessuno dei tre principali giornali cartacei campani? O si tratta di un caso?
Proprio oggi, 10 aprile, il presidente della Regione ha incontrato un altro giornalista napoletano, Mario Orfeo, già direttore del Mattino e oggi direttore generale della Rai, cui ha chiesto lumi sul «futuro del Centro di Produzione Rai di Napoli». C’è chi è pronto a giurare su un De Luca desideroso di un cambio di rotta della tv di Stato nei suoi confronti. Il vulcanico esponente politico del Pd è infatti convinto di avere contro la Rai: qualche mese fa lanciò strali contro il Tg3 Campania, ‘reo’ a suo dire di parlare poco delle attività dell’Ente regionale. E qualche giorno fa invece minacciò querela a Concita De Gregorio per una sua puntata di ‘Fuori Roma’ su Rai 3 dedicata a  Salerno.