Renzi: “Il Pd sarà il primo partito, ma c’è rischio di governo estremista M5S – Lega”


Per Matteo Renzi esiste il rischio di un governo estremista, che potrebbe essere anche un governo composto da Movimento 5 Stelle e Lega. A lanciare l’allarme è lo stesso segretario del Partito Democratico durante un’intervista concessa a Enrico Mentana durante la trasmissione televisiva Bersaglio Mobile: “Il rischio di un governo estremista c’è, non escludo nemmeno un governo tra Grillo e la Lega. Ecco perché dico voto utile, voto utile, voto utile. Un governo di Movimento 5 Stelle e Liberi e Uguali? Non so se lo vogliono fare, ma sicuramente non hanno i numeri”, ha dichiarato Renzi.

“In questi anni abbiamo fatto il piano di misure per le imprese, nella prossima vogliamo fare il pieno di contributi per le famiglie, che non è il reddito di cittadinanza a 5 Stelle che viene stimato sugli 80 miliardi di euro. Io mi appello agli italiani: domenica non si gioca per il fantacalcio, ma si vota per il governo dei prossimi 5 anni. Mi dispiace per il partito di D’Alema e Bersani, ma votarlo soprattutto al Nord o nel Lazio significa avvicinare Salvini a Palazzo Chigi o al Viminale”.


Proseguendo, il segretario dem ha spiegato che, qualora il centrosinistra non dovesse vincere le elezioni, il Partito Democratico andrà all’opposizione in maniera responsabile: “Penso che quello che accadrà dopo il 5 di marzo si potrà capire con i numeri chiari, perché non è detto che non ci sia una maggioranza. Io sono profondamente convinto che il Pd sarà il primo partito, dopodiché se non succede il Pd è responsabilizzato per andare all’opposizione. Non è che ce lo ha ordinato il dottore di andare al Governo. Quelli che hanno spinto il carro in questi anni sono quelli del Pd, ecco perché sono convinto”.

L’endorsement di Letta per Gentiloni
Dopo una lunga assenza dal dibattito pubblico, nel corso della giornata l’ex presidente del Consiglio Enrico Letta ha dichiarato l’intenzione di sostenenere il centrosinistra alle prossime elezioni politiche. Senza mai nominare il segretario del Pd, Matteo Renzi, Letta con un tweet ha di fatto “endorsato” la candidatura dell’attuale presidente del Consiglio Paolo Gentiloni: “Il voto del 4 marzo? Se penso all’Italia e all’Europa voglio augurarmi che Paolo Gentiloni ne esca rafforzato con la coalizione che lo sostiene”.