M5S, la candidata D’Alessandro smentita da consiglio economico della Cdu: “Solo un’assistente”


I suoi compagni di partito del M5S l’avevano presentata come “consulente economica della Cdu”. Ma il consiglio economico del partito della Merkel a Berlino ha detto all’Ansa che Alessia D’Alessandro, candidata alle elezioni col Movimento, collabora solo come assistente, che “non è operativa in nessun ambito rilevante dal punto di vista politico” e che “non cura contatti politici”.

“Abbiamo l’impressione che la sua posizione nel consiglio economico sia stata ingigantita in modo poco serio dal suo partito nei media italiani” – ha affermato un portavoce del consiglio – “non vorremmo aggiungere a questo fracasso politico altri commenti”. Il portavoce ha aggiunto che che la D’Alessandro “lascia il Consiglio, per suo desiderio, da oggi”. Eppure lo storytelling fornito dalla D’Alessandro non era esattamente questo. “Fungo da intermediario tra le imprese tedesche e il mondo politico. Coordino 22 commissioni che trattano temi che vanno dalle energie rinnovabili, alla ricerca e allo sviluppo fino alle politiche monetarie europee”, ha dichiarato in un’intervista sul Corriere.


La D’Alessandro era assunta come assistente, era operativa da dieci mesi, e ha informato il Consiglio della sua candidatura alla fine della settimana scorsa, ha chiarito ancora il portavoce. Il consiglio economico della Cdu, la Wirtschaftsrat, è un organo vicino al partito di Angela Merkel.

Alessia D’Alessandro vive per adesso a Berlino, ha 28 anni e nel suo curriculum si leggono esperienze di studio alla Sciences Po di Parigi e alla Jacobs University Bremen di Brema. Correrà nel collegio uninominale di Agropoli-Castellabate, in provincia di Salerno, contro l’ex sindaco di Agropoli Franco Alfieri, capostaff del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, e contro Marta Ferraioli, professoressa di Procedura penale al Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Roma Tor Vergata, candidata con il centrodestra.