Berlusconi: “Il centrodestra deve vincere le prossime elezioni. I populisti? Una iattura”


Nel giorno del suo ottantunesimo compleanno, Silvio Berlusconi ha annunciato che in queste settimane sta vagliando le candidature per la premiership del centrodestra, dunque sta incontrando i potenziali leader che potranno rappresentare la coalizione politica capitanata da Forza Italia alle prossime elezioni politiche che si svolgeranno tra febbraio e maggio del 2018. “Per decidere il candidato premier del centrodestra c’è tempo”, ha spiegato Silvio Berlusconi ai cronisti presenti davanti a Villa San Martino ad Arcore. “Io magari rimarrò incandidabile. Ma ci sono personaggi di grande livello, esperienza e preparazione culturale pronti a lasciare quello che stanno facendo in modo egregio, soprattutto nell’impresa, per dedicarsi al proprio Paese come ho fatto io nel 1994”, ha proseguito l’ex Cavaliere della Repubblica.

“Salvini? Ci vediamo la prossima settimana come da programma, per dare l’ultima scorsa a quello che sarà il programma del centrodestra”, ha aggiunto Silvio Berlusconi, evidenziando che al vertice della prossima settimana saranno presenti “Salvini, la signora Meloni e altri partiti del centrodestra che si riconoscono nel programma che presenteremo e nei valori dell’occidente, della cristianità e dell’europeismo”.


“Oggi mi hanno telefonato più di cento persone a farmi gli auguri, e ho parlato anche con Salvini. Io penso che il centrodestra deve vincere, perché sarebbe una iattura per l’Italia se prevalessero altre forze che sono definite populiste ma che io definirei in un altro modo. Vedendo la simpatia che mi circonda dovunque io vada sono assolutamente convinto che gli italiani abbiano capito che l’unica possibilità di avere un buon governo è di affidarsi non a chi nella vita non ha fatto niente ma a chi nella vita ha fatto tanto e in 10 anni di governo non ha mai messo le mani nelle tasche degli italiani”, ha concluso Berlusconi.